Il confine è un bosco

Un film di Giorgio Milocco

Il viaggio di un uomo attraverso il confine Italo-Sloveno, per risolvere il senso di colpa che lo tormenta.

Dettagli: FULLHD, 30’, Italia, Slovenia
Genere: Drammatico
Sceneggiatura: Giorgio Milocco, Mauro Daltin, Andrea Nardon, Alejandro De La Fuente
Fotografia: Luca Coassin A.I.C.
Interprete principale: Branko Završan
Produttrice: Marta Zaccaron
Produzione: Quasar Multimedia
Status: in pre-produzione
Sviluppato con il sostegno di: Fondo Audiovisivo FVG

Dragan è un operaio di sessant’anni, nato nella ex Jugoslavia. È un uomo chiuso e taciturno: un uomo tormentato.
Dragan vive infatti un dramma interiore. In ogni suo sguardo e ogni suo gesto si cela l’angoscia di un passato che non gli permette di vivere serenamente il presente.
Vive in Italia, a Torviscosa. Fa l’operaio e ha una famiglia.
Un giorno la nipotina, nella sua semplicità, gli ricorda che la vita ha una data di scadenza. La presa di coscienza di una morte non così tanto lontana lo induce a riflettere.
Dragan sente a questo punto il bisogno di affrontare quel passato tanto odiato, per fare pace con se stesso.
Intraprenderà un viaggio verso la Croazia, nei luoghi della sua infanzia, ma anche nei luoghi della sua anima.
Il paesaggio cambia dal finestrino della sua auto, cambia la lingua, e i ricordi riaffiorano più nitidi, alla ricerca dei luoghi legati a quel triste ricordo che ha segnato la sua esistenza.